Adriana Varejão, Ruína Modernista | rovina modernista | Modern ruin I, 2018 Olio su alluminio e poliuretano | Oil on aluminium and polyurethane Collezione dell’artista | Collection of the artist. Foto | Photo Jaime Acioli

Vai, vai, Saudade

a cura di Cristiano Raimondi

04.07 — 30.09.2024

Orari e biglietti

Artisti partecipanti:
Jhony Aguiar (Marabá, PA, 2001), Maxwell Alexandre (Rio de Janeiro, RJ, 1990), Sidney Amaral (San Paolo, SP, 1973 – 2017), Antonio Henrique Amaral (San Paolo, SP, 1973 – 2017), Bajado (Maraial, PE, 1912 – Olinda, PE, 1996), Hércules Barsotti (San Paolo, SP, 1914 – 2010), Conceição dos Bugres (Provinho de Santiago, RS, 1914 – Campo Grande, MS, 1984), Amilcar de Castro (Paraisópolis, SP, 1920 – Belo Horizonte, MG, 2002), Willys de Castro (Uberlândia, MG, 1926 – San Paolo, SP,  1988), Alex Červený (San Paolo, SP, 1963), Lygia Clark (Belo Horizonte, MG, 1920 – Rio de Janeiro, RJ, 1988), Antonio Dias (Campina Grande, PB, 1944 – Rio de Janeiro, RJ, 2018), Juraci Dórea (Feira De Santana, BA, 1944), Jaider Esbell (Normandia, Roraima, 1979 – San Paolo, SP, 2021), Hermelindo Fiaminghi (San Paolo, SP, 1920 – 2004), Davi de Jesus do Nascimento (Pirapora, MG, 1997), Eleonore Koch (Berlino, Germania, 1926 – San Paolo, SP, 2018), Lucia Koch (Porto Alegre, RS, 1966), Advânio Lessa (Lavras Novas, MG, 1981), Laura Lima (Governador Valadares, MG, 1971), Lidia Lisbôa (Guaíra, SP, 1970), Renata Lucas (Ribeirão Preto, SP, 1971), Ivens Machado (Florianópolis, SC, 1942 – Rio de Janeiro, RJ, 2015), Matheus Marques Abu (Rio de Janeiro, RJ, 1997), Maria Martins (Campanha, MG, 1894 – Rio de Janeiro, RJ, 1973), Arjan Martins (Rio de Janeiro, RJ, 1960), Ana Mazzei (San Paolo, SP, 1979), Cildo Meireles (Rio de Janeiro, RJ, 1948), Hélio Melo (Vila Antimari, Boca do Acre, 1926 – Goiânia, GO, 2001), Tomie Ohtake (Kyoto, Giappone, 1913 – San Paolo, SP,  2015), Hélio Oiticica (Rio de Janeiro, RJ, 1937 – 1980), Opavivará! (Collettivo artistico fondato in Brasile nel 2005), José Pancetti (Campinas, SP, 1902 – Rio de Janeiro, RJ, 1958), Lygia Pape (Nova Friburgo, RJ, 1927 – Rio de Janeiro, RJ, 2004), Ana Prata (Sete Lagoas, MG, 1980), Heitor dos Prazeres (Rio de Janeiro, RJ, 1898 – 1966), Matheus Rocha Pitta (Tiradentes, MG, 1980), Gilvan Samico (Recife, PE, 1928 – 2013), Miguel dos Santos (Caruaru, PE, 1944), Agnaldo dos Santos (Ilha de Itaparica, BA, 1926 – Salvador, BA, 1962), Mira Schendel (Zurigo, Svizzera, 1919 – San Paolo, SP,  1988), José Antônio da Silva (Sales Oliveira, SP, 1909 – San Paolo, SP, 1996), Francisco (Chico) da Silva (Alto Tejo, AC, 1910 – Fortaleza, CE, 1985), Miriam Inez da Silva (Trindade, RJ, 1937 – Rio de Janeiro, RJ, 1996), Ariano Suassuna (João Pessoa, PB, 1927 – Recife, PE, 2014), Tunga (Palmares, PE, 1952 –  Rio de Janeiro, RJ, 2016), Rubem Valentim (Salvador, BA, 1922 –  San Paolo, SP,  1991), Adriana Varejão (Rio de Janeiro, RJ, 1964), Alfredo Volpi (Lucca, Italia, 1896 – San Paolo, SP, 1988), Liuba Wolf (Sofia, Bulgaria, 1923 – San Paolo, SP,  2005), Niobe Xandó (Campos Novos Paulista, SP, 1915 – 2010), Yuli Yamagata (San Paolo, SP, 1989).

Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee – museo Madre presenta Vai, vai, Saudade, una mostra collettiva che propone un itinerario poetico articolato in una serie di racconti legati all’arte prodotta in Brasile a partire dal secondo dopoguerra. Si tratta di “appunti di viaggio” che si fondono in un percorso espositivo libero ma interconnesso da tematiche formali e concettuali, spirituali e terrene, politiche e geografiche alla base di una narrazione che segue una logica simile a quella di un romanzo diviso per capitoli. Lambendo questioni urgenti del Brasile continentale, moderno e contemporaneo, la mostra prende il titolo da una samba composta da Heitor dos Prazeres (Rio de Janeiro, 1898 – 1966), artista Carioca che fu tra i primi a subire la censura della dittatura militare nel 1964.

Organizzata per associazioni, a volte inattese, e dialoghi tra artisti, Vai, vai, Saudade inizia con un primo capitolo rappresentato dal confronto tra l’’opera Livro da Arquitetura (1959-60) di Lygia Pape (Nova Friburgo, 1927 – Rio de Janeiro, 2004), che descrive la storia dell’uomo come costruttore di civiltà attraverso un inventario di archetipi architettonici e una via sacra dell’artista della regione di Acre, Hélio Melo (Vila Antimari, 1926 – Goiânia, 2001), che racconta la distruzione del suo l’habitat naturale da parte di quello stesso uomo “civililizzato” attraverso metafore e allegorie poetiche. La mostra si conclude con la serie Era uma vez a Amazônia di Jaider Esbell (Normandia, Rorania, 1979 – San Paolo, 2021), dove l’artista racconta dell’impoverimento delle condizioni di vita delle popolazioni originarie dell’Amazzonia e del futuro incerto di questa terra vissuta per generazioni nel rispetto del suo ecosistema.

Dalla fine della schiavitù, abrogata soltanto nel 1888, alle immigrazioni di massa da paesi come l’Italia, il Libano, il Giappone e la Germania, sino al più recente bolsonarismo, il Brasile ha vissuto a cavallo tra positivismo e democrazia, dittatura e censura, frustrazione e speranza senza mai abbandonare lo spirito resiliente tipico dei paesi che hanno vissuto una storia coloniale. Un paese che ha esportato la lotta per i diritti delle popolazioni originarie e afrobrasiliane in tutto il mondo facendosi baluardo di valori umanistici e democratici. Intenzione di questa mostra  è quindi quella di presentare il Brasile come terra fertile di idee e rivoluzioni artistiche, un paese che ha saputo costruire un’identità basata sulla valorizzazione del multiculturalismo e fusione di  linguaggi plurimi sfidando le visioni eurocentriche per una storia dell’arte a una sola direzione: il Brasile è sin dai principi del secolo scorso tra i grandi attori delle avanguardie nella scena mondiale e non esiste avanguardia senza l’osservazione delle culture ancestrali o semplicisticamente considerate popolari.

A cura di Cristiano Raimondi